Pubblicato il 26/01/15

I ricercatori si muovono a favore della ricerca biomedica in Italia.

Avevamo in precedenza rilevato come i ricercatori, in Italia e non solo, si muovono poco per incidere sulla Società in cui vivono, anche su argomenti e settori che li riguardano direttamente (http://www.fivehundredwords.it/argument/it-forza-scienziati-fatevi-sentire). Stavolta, siamo contenti di sottolineare un’iniziativa che va in senso opposto. I temi affrontati durante il recente incontro de “La tempesta dei cervelli” sono tanti e tutti importanti: carenza di fondi e di prospettive occupazionali, percorsi formativi alternativi, maggiore internazionalizzazione. Ne leggerete in dettaglio nella nota. A questi, forse, ne andrebbe aggiunto uno, che ci sembra centrale: la revisione radicale del sistema di reclutamento nel mondo accademico e scientifico ma anche in quello della sanità; in altre parole, chi seleziona chi? Il sistema attuale non è meritocratico e spesso gravato da tribalismo (i rapporti e le protezioni, quando non sono di sangue, sono di…scuola ed a volte anche peggio); ciò rende asfittico il mondo della ricerca e quasi impermeabile all’ingresso di giovani che non appartengono ad alcuna tribù. Se non si riesce ad incidere su questo aspetto che sta a monte, sarà difficile incidere sugli altri. (vt)
Il 29 e 30 Novembre presso il centro congressi dell’Università cattolica del Sacro Cuore di Roma si è tenuto il primo incontro de “La Tempesta di Cervelli”, organizzato da Samanta Mariani, Luca Cassetta e Chiara Bertolaso. L'incontro aveva come scopo riunire ricercatori biomedici e medici al fine di stimolare un dibattito sulle problematiche della ricerca e sanità in Italia, e proporre nuove strategie per Ricerca e Sanità in Italia. Presenti all'incontro circa 60 partecipanti con diversi profili accademici: dal neo-laureato al professore ordinario, tutti accomunati dalle preoccupanti situazioni dell’università e della ricerca Italiana.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Teresita Gravina

    Teresita Gravina è laureata in Geologia e in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente ed il Territorio e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra. Attualmente è docente a contratto di Geologia Ambientale presso l'Università Telematica Guglielmo Marconi. E’ ideatrice e curatrice di “Sustainability” (http://www.sunability.unina2.it), progetto di divulgazione scientifica delle ricerche svolte presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali, Biologiche e Farmaceutiche (DISTABIF) della seconda Università di Napoli.

Letture consigliate

E DUE: LA SCIENZA CONTINUA A BACCHETTARE TRUMP E STAVOLTA CI AGGIUNGE PURE JOHNSON. CAPIRANNO?

Un altro scienziato di rinomanza internazionale, che dirige Nature forse la rivista scientifica più prestigiosa al mondo, attacca i due energumeni che purtroppo sono alla testa di due grandi Paesi e gli scienziati loro consulenti per come stanno gestendo l’emergenza del corona virus e più in generale per il loro rapporto con la scienza. Anche questo imperdibile! (vt).

Da leggere

LA SCIENZA SI RIBELLA ALLE PAGLIACCIATE DI TRUMP E...NON GLIELE MANDA A DIRE!

Uno scienziato di rinomanza internazionale, che dirige una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, dice qualcosa che potrebbe tradursi con "mo’ basta, Mr. President!". In realtà fa di più perché gli ricorda che tre anni fa era antivaccinista (!) e adesso se la prende con la scienza perché… non riesce a produrre un vaccino nel giro di pochi mesi. E chiude chiedendo all’energumeno un “favore”: di trattare con rispetto la scienza e i suoi principi! Imperdibile, garantisco (vt).

Da leggere



© 2020 - www.fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su www.fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image