Pubblicato il 07/07/14

L’Umbria si mette in moto contro l’obesità

Abbiamo già parlato del problema delle malattie non trasmissibili (cancro, diabete, patologie cardiovascolari e respiratorie croniche) (http://www.fivehundredwords.it/post/it-il-fardello-sociale-delle-malattie-non-trasmissibili) e certo l’obesità rappresenta una sorta di suolo comune sulla quale ognuna di esse trova un substrato predisponente ormai ben acclarato. Purtroppo, quello cui si è assistito nel corso degli ultimi decenni, è stata un aumento globale di obesità e sovrappeso fra i bambini e gli adolescenti. E in Italia non abbiamo fatto meglio che altrove, anzi. Un timido tentativo di invertire la rotta sembra essersi osservato negli ultimissimi anni. Ma bisogna rafforzare questa debole tendenza se non vogliamo condannare i nostri figli e nipoti ad un’infanzia difficile ed un’età adulta disturbata da gravi malattie e da spese sanitarie insostenibili. Pierpaolo De Feo ha avviato un programma d’intervento contro l’obesità in Umbria, rivolto ai bambini dai 4 ai 12 anni, che molto volentieri contribuiamo a diffondere. (vt)
L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS o, in Inglese, WHO) ha espressamente dichiarato che “l’epidemia di sovrappeso ed obesità minaccia la salute dei bambini. L’obesità infantile è strettamente associata ad un incremento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, problematiche di tipo ortopedico, disturbi psichici, basso rendimento scolastico e mancanza di autostima”. Per contrastare il fenomeno dell’incremento dell’obesità infantile, in Umbria, è nato EUROBIS (Epode Umbria Region Obesity Intervention Study). Si tratta di un progetto innovativo, a livello nazionale ed internazionale, nel campo della lotta all’obesità e al sovrappeso infantile secondo la sperimentata metodologia EPODE  (http://www.epode-international-network.com).

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Pierpaolo De Feo
    Pierpaolo De Feo, è Professore Associato di Endocrinologia dell’Università di Perugia, dove dirige il C.U.R.I.A.MO. (Centro Universitario Ricerca Interdipartimentale Attività Motoria). E’ autore di circa 140 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali , diverse in tema di esercizio fisico e strategie per migliorare gli stili di vita. E’ stato coordinatore del Gruppo Attività Fisica di Diabete Italia ed è attualmente Presidente dell’Italian Wellness Alliance.

Letture consigliate

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere



© 2020 - www.fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su www.fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image