Pubblicato il 25/03/19

Il conflitto d’interessi in medicina

In una società articolata il conflitto d’interessi esiste in tutte le attività e il mondo della biomedicina non fa eccezione. Ne abbiamo parlato a proposito dai compensi che i medici ricevono dalle industrie farmaceutiche (http://www.fivehundredwords.it/argument/it-saranno-pubblici-i-compensi-ai-medici-delle-industrie-farmaceutiche-ma-davvero) ma tornarci sopra è utile, anche perché medici e scienziati, con le dovute eccezioni, non è che proprio facciano di tutto per affrontare adeguatamente il problema. E allora in occasione della pubblicazione di un libro dedicato all’argomento, edito da il Mulino (https://www.mulino.it/isbn/9788815279880) abbiamo chiesto un intervento ad uno degli autori che ha deciso di raccontarci “cosa ho imparato…scrivendo di conflitti d’interesse”. Ha imparato come noi medici e tutti gli altri portatori di interessi, tentiamo di difenderci, chiudendoci in difesa. Come ben sanno però gli intenditori di calcio, se fai così prima o poi il gol lo becchi ed in questo caso è un gol contro gli interessi della società.  (vt)
"Lavoro in una casa editrice e sono socio di un’agenzia di comunicazione. Le due società collaborano con istituzioni (ministero, amministrazioni regionali, ordini dei medici), aziende e società scientifiche: il mio reddito annuo è influenzato dall’andamento di queste relazioni".
Una dichiarazione così dovrebbe aprire qualsiasi articolo o presentazione a convegni: purtroppo troppe volte è assente, molto spesso è lacunosa o nascosta (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2712191) e, ai congressi, presentata in diapositiva in maniera che nessuno possa leggerla (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5623528/).

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Luca De Fiore
    Luca De Fiore è direttore del Pensiero Scientifico Editore dal 1992. Nel 2000 ha contribuito a fondare la web agency Think2it che si occupa di comunicazione multimediale sulla salute e sulla medicina. E' stato presidente della Associazione Alessandro Liberati - Network Italiano Cochrane, che si interessa di promozione della medicina basata sulle evidenze e di coordinamento delle attività della Cochrane Collaboration in Italia. Cura il blog http://dottprof.com e dirige la rivista mensile indicizzata Recenti progressi in medicina (www.recentiprogressi.it).

Letture consigliate

E DUE: LA SCIENZA CONTINUA A BACCHETTARE TRUMP E STAVOLTA CI AGGIUNGE PURE JOHNSON. CAPIRANNO?

Un altro scienziato di rinomanza internazionale, che dirige Nature forse la rivista scientifica più prestigiosa al mondo, attacca i due energumeni che purtroppo sono alla testa di due grandi Paesi e gli scienziati loro consulenti per come stanno gestendo l’emergenza del corona virus e più in generale per il loro rapporto con la scienza. Anche questo imperdibile! (vt).

Da leggere

LA SCIENZA SI RIBELLA ALLE PAGLIACCIATE DI TRUMP E...NON GLIELE MANDA A DIRE!

Uno scienziato di rinomanza internazionale, che dirige una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, dice qualcosa che potrebbe tradursi con "mo’ basta, Mr. President!". In realtà fa di più perché gli ricorda che tre anni fa era antivaccinista (!) e adesso se la prende con la scienza perché… non riesce a produrre un vaccino nel giro di pochi mesi. E chiude chiedendo all’energumeno un “favore”: di trattare con rispetto la scienza e i suoi principi! Imperdibile, garantisco (vt).

Da leggere



© 2020 - www.fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su www.fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image