Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti. Un mix di confusione, malafede e ignoranza.

In Italia i farmaci equivalenti sono largamente sotto-utilizzati: nel 2013 hanno rappresentato il 19% dei consumi (media OCSE 48%) e l’11% della spesa (media OCSE 24%) del mercato farmaceutico. Il Rapporto OsMed 2015 riporta un paradosso ancora più clamoroso: in Italia la spesa per i farmaci il cui brevetto è scaduto viene assorbita solo per il 28% dagli equivalenti.

A farsi carico della differenza per l’acquisto dei farmaci di marca, non rimborsati dal SSN, sono i cittadini, con una spesa out-of-pocket di oltre € 1 miliardo nel 2015 e di € 437 milioni nei primi 5 mesi del 2016 (trend in aumento). Il fenomeno del sotto-utilizzo dei farmaci equivalenti in Italia contrasta con tre incontrovertibili evidenze scientifiche: 1. il farmaco equivalente è altrettanto efficace e sicuro del farmaco di marca; 2. può contare su evidenze di sperimentazione e utilizzo più robuste (almeno 10 anni) del farmaco di marca; 3. il sotto-utilizzo degli equivalenti aumenta la spesa e riduce la compliance terapeutica, in particolare nelle malattie croniche, con aumento dei costi per il SSN.

Dai dati OsMed emerge una singolare contraddizione: se la riduzione dei consumi di farmaci in classe C con ricetta testimonia la difficoltà dei cittadini a sostenere la spesa dei farmaci a proprio carico, per la prescrizione e l’acquisto di farmaci in classe A esiste una “resistenza” ad abbandonare i farmaci di marca in favore degli equivalenti. Diversi studi dimostrano che il prezzo inferiore influenza negativamente la percezione di medici, farmacisti e pazienti che vedono gli equivalenti come un prodotto meno costoso ma inferiore ai farmaci di marca per qualità, efficacia e sicurezza.

Al fine di contrastare quest’anomalia la Fondazione GIMBE ha recentemente pubblicato il position statement “Il sotto-utilizzo dei farmaci equivalenti in Italia”, sottolineando la necessità di abbandonare il dequalificante aggettivo “generico”, analizzando analogie e differenze tra farmaci equivalenti e di marca, chiarendo il ruolo delle liste di trasparenza AIFA e illustrando la complessa normativa sulla prescrizione dei farmaci equivalenti e sull’eventuale sostituzione da parte del farmacista. È proprio la normativa sulla prescrizione dei farmaci, infatti, ad ostacolare la diffusione degli equivalenti, perché prevede l’interazione di tre autonomie decisionali: la prescrizione medica, la proposta e l’eventuale sostituzione da parte del farmacista e la preferenza del paziente.

Il sotto-utilizzo degli equivalenti è determinato dalla combinazione degli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa, degli onnipresenti conflitti d’interesse e dei pregiudizi individuali sulla loro efficacia e sicurezza. Questi ultimi rappresentano l’ostacolo principale ad un più ampio utilizzo degli equivalenti ed è, quindi, indispensabile formare e sensibilizzare medici, farmacisti e cittadini sui notevoli benefici di salute ed economici che potrebbero derivare da un cambio di rotta. Occorrono poi strategie di sistema per integrare liste di trasparenza e “reminder” delle cartelle cliniche informatizzate dei medici di famiglia, allineare i loro sistemi premianti alle prescrizioni di equivalenti, monitorare le responsabilità dei farmacisti, studiare nuovi interventi di governance del farmaco, tra cui la non rimborsabilità dei farmaci di marca a brevetto scaduto il cui prezzo superi quello di riferimento di una determinata percentuale.

Autore: Nino Cartabellotta

Nino Cartabellotta (www.ninocartabellotta.it) è medico, specialista in medicina interna e gastroenterologia; si interessa di metodologia con competenze trasversali a tutte le professioni ed i livelli organizzativi del sistema sanitario. Fondatore nel 1996 del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze (www.gimbe.org), dal 2010 è presidente della Fondazione GIMBE. E’, inoltre, Direttore Responsabile di Evidence, rivista metodologica open access e Autore del blog “La sanità che vorrei”. 


Discussioni

comments powered by Disqus

Letture consigliate

"Perché ci ribelliamo"
di Victor Montori, pubblicato in Italia dal Pensiero Scientifico Editore.

Ho assistito ad un seminario di Montori in Sapienza. Rigoroso e guidato dai dati come deve essere uno scienziato serio ma anche capace di avere un’idea non allineata sull'interpretazione degli studi clinici e sul loro riflesso nella pratica clinica. E, soprattutto, completamente scevro per scelta radicale, da possibili conflitti di interessi. Del tutto inusuale e quindi...interessante da ascoltare e da leggere. (vt)

Conflitti d'interesse e salute
Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

La salute è un bene primario ed è, perciò, inevitabile che vi si concentrino grossi interessi economici e il rischio di conflitti d’interesse. E’ quindi irrinunciabile che ognuno di noi sia bene informato così da poter dire la propria come cittadino e, quando capita, come paziente o parente di paziente. Benvenuto quindi a questo libro. (vt)



© 2019 - www.fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su www.fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image